L’impressionante trasformazione di un appartamento in 12 settimane di ristrutturazione e Home Redesign.

Una metratura importante, 150 mq, e 84 giorni di tempo: sono questi i numeri che fanno di questo intervento un perfetto esempio di HOME REDESIGN. Un grande appartamento in un complesso residenziale di prestigio costruito negli anni ’80 immerso nel verde diventa un’adorabile e moderna abitazione per una giovane coppia con le loro due bambine.

I nostri clienti sono giunti a noi con le idee molto chiare. Queste le principali e irrinunciabili esigenze che hanno guidato la progettazione del nuovo layout:

  1. una cucina ampia e luminosa;
  2. una cabina armadio per la camera padronale;
  3. un’area dedicata alle due figlie;
  4. uno home office;
  5. un’ampia zona living.

Lo stato di fatto e il progetto

Fortunatamente per i nostri clienti, il layout dell’appartamento non era in origine molto distante dalle esigenze finali. Nell’immagine si evidenzia l’impatto relativamente marginale delle demolizioni (in giallo) e delle costruzioni (in rosso)

Il Layout Finale

Il layout finale dell’appartamento evidenzia come un’intera ala dell’appartamento sia stata destinata alle due giovanissime figlie, che godono oltre che di una camera a testa, di un bagno in condivisione e una grandissima armadiatura lungo tutto il disimpegno.

Dall’ingresso, sul quale si affaccia il vano destinato ad uso lavanderia, si giunge in un ampissimo salone, semi-frazionato esclusivamente dagli arredi per demarcare gli ambienti collegati tra loro come anelli di una catena: living, sala da pranzo e cucina. Alla termine di questa ampia zona giorno, una porta scorrevole apre all’ala dedicata ai genitori: una camera matrimoniale con cabina armadio e bagno padronale con hammam. Conclude l’area una stanza polifunzionale che funge sia da studio che camera per gli ospiti.

  • Avvio Lavori

    Luglio 2018

  • Consegna chiavi in mano

    Dicembre 2018 (4 mesi).

  • Dove

    Torino

  • Tipologia di intervento

    Ristrutturazione All Inclusive: progettazione, ristrutturazione, interior design e arredamento.

Project Manager e Interior Designer

Project Manager e Interior Designer

Giorgia Ghiotti
Interior Designer

Interior Designer

Chiara Jane Pastore

Prima e dopo l’intervento

L’ingresso e la cucina

La cucina in origine era piccola e totalmente separata dall’area soggiorno da un disimpegno.

Abbiamo modificato l’accesso alla lavanderia verso l’entrata dell’appartamento, eliminato il disimpegno e abbattuto il tramezzo tra cucina e soggiorno. La creazione di una grossa vetrata dal colore fumè invece, all’occorrenza separa la cucina dal resto del living pur mantenendo un costante collegamento visivo.

L’abbattimento del tramezzo e la costruzione di una spalletta hanno generato una nicchia per l’alloggiamento delle colonne dispensa ed elettrodomestici che diversamente sarebbe risultato esteticamente impattante.  Si estende poi un piano lavoro dedicato alla cottura e al lavaggio delle pietanze, per giungere al termine con una penisola che funge a tutti gli effetti da tavolo per 4 persone.

Il design minimale evidenziato dalla cucina con gola è stato caratterizzato da  colori neutri e dagli accessori color bronzo quali: la cappa estetica e le illuminazioni che cadono come prismi sul tavolo; il quale è stato ideato in legno per riprendere la pavimentazione in rovere sbiancato che si estende per quasi tutto l’appartamento.

La cabina armadio e l’home office

La grande camera designata come camera da letto padronale, altro non era che un ampio studio con arredi fatti su misura in mogano scuro. L’impatto visivo era così drastico che solo una volta sgombro da queste armadiature è stato possibile raffinare le scelte estetiche.

Con alcune piccole modifiche su pianta ai muri divisori dell’area adiacente alla camera, sono stati ricavati una cabina armadi e una stanza da dedicare a studio privato. Siamo anche riusciti a ricavare una finestra che dona ricircolo di aria all’ambiente dedicato al vestiario

Il bagno padronale con Hammam

Nella disposizione originale il bagno si presentava con una vasca , area sanitari ed unico lavabo. Nella totalità non risultava essere piccolo anzi, qui il problema reale era stata da mala progettazione degli spazi che ne davano un aspetto decisamente angusto e poco funzionale.

Lo spostamento del tramezzo ha permesso la creazione di una nicchia al cui interno è stata situata una doccia con hammam. un’area dedicata a ben due lavabi, area sanitari e una zona dedicata riporre gli asciugamani di scorta.

Il bagno delle ragazze prima e dopo la ristrutturazione.

Se per il bagno padronale l’idea era quella di usare una pavimentazione in gres con pareti in legno, nel bagno delle ragazze abbiamo invertito i materiali: a terra il legno e a parete il gres.

La Zona Living

il salone era caratterizzato dalle ampie aperture sui lati nord e sud, dalla sua forma a L e da un grande, nonché ingombrante, pilastro portante semi-centrale.

Al fine di armonizzare l’area e separare idealmente la zona pranzo dall’area tv, è stata disegnata intorno al pilastro una libreria passante in cartongesso, che oltre a diventare elemento contenitivo e separativo, integra il tanto desiderato camino a bioetanolo dal notevole effetto scenogtrafico.