Unire due appartamenti per ottenere una casa prestigiosa di 180 mq

Quando l’unione di due alloggi crea valore aggiunto

Il progetto in breve

  • Location: Venaria Reale
  • Tipo di intervento: Unione e ristrutturazione di due appartamenti in condominio con formula all-inclusive
  • Appartamento 180 mq
  • Durata: ottobre 2020 - marzo 2021
Giulia Garnero

Giulia Garnero

HOMEredesigner

Il contesto

La nostra giovane coppia aveva a disposizione due appartamenti adiacenti di famiglia che, nonostante fossero già comunicanti, era necessario fonderli in un unico layout armonico che fosse idoneo alle loro esigenze di gusto e di funzionalità.

180 mq é una metratura che ha molti lati positivi, come la possibilità di creare ambienti aperti e luminosi, di ricavare spazi per gli hobbies, per lo studio e per tutto ciò che si desidera. Tuttavia vuol anche dire gestire attentamente i costi complessivi di ristrutturazione, poiché le opere e i materiali per tale metratura hanno un peso rilevante. Infatti sono serviti diversi incontri con il nostro staff tecnico, e in primis con Mauro Piovano, per trovare una “quadra”.

Un secondo importante aspetto è stato la progettazione del layout.

Perché se è piuttosto facile per chiunque immaginare come può diventare un camera-tinello dopo una trasformazione, tutt’altra cosa è raffigurarsi come l’unione di due appartamenti possano trasformarsi in un appartamento  grande quanto un campo da tennis.

Anche per questa seconda fase, i nostri clienti hanno dovuto spendere parecchie ore insieme alla nostra Giulia Garnero, la nostra Homeredesigner, per essere sicuri di aver disposto ogni ambiente al posto giusto e con lo spazio adeguato.

i desideri del cliente

  • Un grande living, per ricevere tanti amici.
  • Una camera con bagno riservato e ampia cabina armadio, per svegliarsi con il sorriso.
  • Ampi ripostigli, per avere una casa sempre ordinata.

Il progetto

Lo stato di fatto generale dell’appartamento

Le divisioni murali dello stato iniziale evidenziano che si trattava di due appartamenti speculari uniti precedentemente, nei quali però non era mai stata modificata la divisione interna. Fortunatamente,  trattandosi di un edificio di recente costruzione, non vi erano muri portanti o impedimenti strutturali tali da ostacolare la riprogettazione divisionale dell’intera planimetria (a parte il vano scala e i pilastri portanti).

Demolizioni e costruzioni

Come accennato in premessa, nell’unire i due appartamenti si è deciso di mantenere quasi intatte le divisioni dell’appartamento B (futura area notte) al fine di ottimizzare i costi.

Mentre la demolizione di tutti i tramezzi nei punti 1 e 2 dell’appartamento ha permesso lo sviluppo del grande living con cucina.

Inoltre, l’innalzamento di un piccolo tramezzo, al punto 4, ha permesso la costruzione del terzo vano di servizio adibito a porta cappotti.

Il progetto finale

Grazie al Redesign, la zona living e cucina ora godono dell’esposizione solare ad est e ovest.

Notare, nella zona notte, la grande camera matrimoniale con accesso diretto al bagno padronale e la cabina armadio con uno sviluppo di quasi 10 mt lineari (corrispondente allo spazio contenitivo di un armadiatura di oltre 20 ante).

Non poteva mancare la zona lavanderia (punto 5) che funge anche come terzo bagno a servizio delle altre due camere.

A servizio del living troviamo il bagno principale, attrezzato con una grande doccia (180×120) e vasca idromassaggio (punto 6)

Living e cucina

Una panoramica d’insieme che si prospetta a chi entra in casa. Al momento del servizio fotografico mancavano ancora alcuni elementi d’arredo (già previsti nel progetto), che andranno ad equilibrare i vuoti e pieni nelle aree di passaggio.

A rompere la monotonia delle forme e delineare una separazione degli spazi è stato realizzato il ribassamento di una porzione del soffitto in cui è stata integrata un’illuminazione a led realizzata da due lame a L.

Per la cucina è stato scelto un sistema di illuminazione a binario con faretti orientabili. Questo sistema permetterà di orientare i fasci di luce in modo ottimale sulle varie zone di lavoro. I frontali della cucina sono in finitura laccata grigio foca. La gola e lo zoccolo in alluminio brunito ne incorniciano i perimetri.

L’imponenza del frigo americano a doppia porta è stata alleggerita disponendo sopra e di fianco ad esso alcuni moduli contenitori.

In questa immagine, il lavello mono vasca sottotop in granitek.

Top e schienali in hpl nero con venature effetto marmo.

La composizione divano è formata da un elemento 2 posti con sedute estraibili, un elemento penisola e un pouf.
Rivestimento in tessuto grigio chiaro e cuscini in appoggio blu notte.

ll grande tavolo allungabile con piano materico nodato chiaro.
Base in metallo antracite in abbinamento alle sedie.

La parete soggiorno.

I pensili e il top finiti in materico seta contrastano con la laccatura grigio tofu degli
elementi a giorno e delle basi.

La pavimentazione di tutto l’appartamento è stata rivestita con parquet in rovere finito ad olio. Doghe da 32X260 cm.

Il disimpegno

Anche nel disimpegno centrale è stato realizzato un lieve ribassamento per equilibrarne i volumi e dare
alloggio agli eleganti faretti incassati.
Le porte bianche dell’intero appartamento sono arricchite da un filetto centrale e maniglie squadrate in cromo satinato. Fanno eccezione le porte scorrevoli che sono munite di maniglia a scomparsa.

Il bagno principale

La laccatura carruba delle scocche e dei frontali del mobile bagno contrasta con la finitura effetto legno del top.

Due sospensioni sferiche ne forniscono un’adeguata illuminazione.

I rivestimenti verticali sono realizzati con piastrelle in gres effetto cemento 45X90.

Una vista della grande doccia 120×180 con piatto in resina bianco e chiusura in cristallo su misura.

I lavabi a ciotola in appoggio tutto fuori sono accessoriati con funzionali miscelatori tall cromati che permettono comunque un comodo utilizzo.

Il bagno principale

La wallpaper a tema floreale, abbinata al calore del parquet, rende questo bagno un luogo ideale per i momenti di relax.

La grande vasca ad angolo 160×100 cm è munita di sistema idromassaggio Whirpool.

Il bagno padronale

Per il bagno padronale è stato scelto un rivestimento in piastrelle di gres effetto marmo e venature dorate.

Prosegue anche in questo bagno il pavimento in parquet trattato ad olio, questo tipo di trattamento rende il legno semi impermeabile e quindi idoneo anche per la sala da bagno.

Finitura laccato opaco color tortora per la composizione bagno.

Accessori e rubinetterie nero opaco per infondere una nota di carattere all’ambiente.

La zona notte

Il color selce del letto, del comò e dei comodini crea un piacevole contrasto con la parete retrostante in tinta blu oltreoceano.

La cabina armadio, accessibile dalla camera padronale, ha uno sviluppo ci circa 10 mt lineari.
Grazie alla possibilità di sfruttarla a tutta altezza, lo spazio contenitivo corrisponde ad una armadiatura tradizionale di oltre 20 ante.
La struttura della cabina a cremagliere permette la personalizzazione degli spazi verticali a seconda delle esigenze.

Ripiani, accessori, e cassettiere sono in finitura cashmere.

Anche per questa cabina, come per la cucina, il sistema di illuminazione è a binario con faretti orientabili che illuminano anche gli angoli più nascosti.

CONCLUSIONE

Chiudiamo questo report con alcune le parole dei nostri clienti (tratte dalla loro stessa recensione).

“[…]ci hanno sempre messi in totale serenità ad affrontare un percorso importante e difficile come quello di una ristrutturazione, rendendola un’esperienza piacevole e senza pensieri[…]”

E noi li ringraziamo per averci  accolti nella loro casa con un mazzo di fiori.